Il Portale Italiano di OpenSim Gestito da Volontari dove poter apprendere collaborare e Far Crescere il Simulatore

Edu Curiosità Innovazione

Edu Curiosità Innovazione (5)

11:07AM: I start downloading opensim, 11:45AM: I have a working Multiuser Educational Virtual Space

Articolo originariamente pubblicato qui: http://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2011/02/26/1107am-i-start-downloading-opensim-1145am-i-have-a-working-multiuser-educational-virtual-space/

Stellar Date  86415.25, “30 Minutes Virtual EDUKIT” ;)

Installing opensim must not be a complex thing such as sending a rocket to the Moon or driving a SpaceShip

Today I tried to delve into an issue I really wanted to share after having published around 1 month ago how to install Opensim in 2 minutes [http://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2011/01/08/costruirsi-4-sim-opensim-in-due-minuti-sul-proprio-pc-gratis/]. The goal is to show that a simple person, even missing particular computer knowledge and without designing a Moon rocket, she can make up a Multiuser Cooperative Virtual Environment (or whatever you want to call it) using less time than she can ask information to official companies (like Linden Lab, IBM or others) and spending much less, i.e. ZERO $!!!!

When you are finished with these instructions you will find yourselves in a sim just ready to allow people in your school, classroom or office to register an avatar and to enter in a world where it is possible to organize virtual events. Due to the simplicity of this cheat-sheet there are some usage limitation it is worth to stress:

  • The environment doesn’t allow for a huge concurrent logged in avatars, so you should think to use it with 10 and probably up to 20 users. It depends much on the actual memory available to your server, CPU speed and network performance. A similar experiment made two years ago in an Italian school with obsolete hardware couldn’t let in more than 3-4 users.
  • Avatar appearance is that of female Ruth so people will need to work a bit to better their look (creating their shape, skin etc).
  • Advanced functionalities such as Group Handling or Offline IM are not available. For those you must wait next post.
  • Voice is not working (but yet the chat usage is much notable)
  • It is still an “alpha” OpenSim, so please don’t expect it to be exactly the same as SL, be prepared to relaunch it from now and then :)
  • It is not a full grid so don’t expect to build on it 40 connected sims. For that you need a real effective grid (see my further posts)
  • Even if this installation is designed to connect with other grids and to use Hypergrid teleports, the related knowhow is not covered by this post and will need some further learning.
  • What you are currently installing is a “standalonesim not to be confused with other types of installations which are to be covered in future posts that can be connected to bigger grids like OsGrid or Craft.

This represents to me the finishing touch to a big dream I had some years ago: to provide a “(Knowledge) Kit” to teachers or anybody willing to build in their school, office, association, a 3D cooperative environment,  without being dependent on an external service provider or “Computer Experts”. Another big advantage of such solution is that being built to work in a Local Network it is separated from internet and so usable in those contexts such as Educational K12 where minors are involved and where teachers have a specific juridical responsibilities. Keep in mind that these instructions work on a small LAN with Windows computers  (XP SP3, Vista or Windows 7). You can do the same with Linux or Mac but you need to change something.

I’m calling this system Virtual “Edukit”: you just need to download TWO files from Internet (simOnAStick package and VCE oar) and with just a minimal simple manual modifications of a couple of files, you will be able to take off your SpaceShip !!!!!

Here is the log of my experience:

  1. 11:07AM I start downloading famous simonastick (135M)

    You can download it from here: http://simonastick.com/download/simonastick_1sim.zip (It’s also possible to download the 4-sim version),
  2. 11:10AM Unzip the file in a known folder  mysim
  3. 11:13AM I test it. Firstly launch  mysim\mowes.exe,
  4. Then from the subfolder mysim\diva-r13981\bin launch OpenSim.exe or OpenSim.32BitLaunch.exe (windows 7 or 64 bit)
  5. At last launch from the subfolder  mysim\Imprudence connecting to  loginuri  http://127.0.0.1:9000 with user usb me and password 123 (These operations have been already described in my first article). Now, I go to the console (that black one from the 2nd command)  and write  shutdown to close up the virtual world.
  6. 11:20AM To enable access from another machine I must modify following two files mysim\diva-r13981\bin\Regions\RegionConfig.ini

    and mysim\diva-r13981\bin\config-include\MyWorld.ini
  7. In both cases I need to find out using an editor the string  127.0.0.1 and replace it with the known IP of the machine where I’m installing  (do not touch any other character!). To get the machine  IP the simplest way is to use a DOS window and to write in it the  ipconfig command. For instance in my local network in VMWARE the correct IP address would be  192.168.201.130
  8. 11:27AM. Relaunch OpenSim.exe. Now the sim should be accessible from the LAN where your PC is connected. (Note: it is possible that you need to configure firewall to let pass through packets on the port 9000 or alternatively switch off your firewall).
  9. 11:28AM. Now I go to another machine in the local network where a SecondlIfe client is installed (or you can use the same USB stick described before with the Imprudence folder) and can try to connect using the user  usb me pwd 123 to the  loginuri of original  IP, i.e. http://192.168.201.130:9000. If everything goes well you should succeed :) Otherwise you either have firewall problems, or the IP is wrong, or the configuration files had been wrongly edited in previous steps.
  10. 11:30AM. If now I launched the account manager on a browser http://192.168.201.130:9000/wifi I can configure additional accounts like “foo bar” (it should be quite intuitive) and can try to connect from a third machine.
  11. 11:36AM. Since this world is a bit boring I’m trying to liven it downloading a premade “oar” built for meetings and educators. I chose to download this freely available simhttp://openvce.net/resources/downloads/opensim-openvce.oar 
    I got this from a catalog of prebuilt sims you might find useful: http://opensimworlds.com/index.php?part=worlds just put the file in the initial server machine under the folder mysim/diva-r13981\bin and type from the console following command: load oar opensim-openvce.oar
  12. Now you should have the full sim ready!!!!!!
  13. Other places where you can find prebuilt oars:
    http://www.hypergridbusiness.com/2009/11/four-sources-for-pre-made-virtual-worlds/
    http://myopensim.com/index.php?page=Assets&action=Category&categoryid=8&catname=OAR%20Files
    http://www.rexxed.com/tag/oar/
    http://opensimworlds.com/index.php?part=worlds

Disclaimer:

It can be possible that even following this guide you will not succeed in setting up a working  OpenSim in a lan in exactly half an hour, maybe it can take you various hours, or some problems connected with your computer, graphic card, firewall might make it useless on your in your environment. Before committing yourself and promising success to others, it is advisable to scout the environment and to verify it can work  (you just need a limited time insite). However to be optimistic, if you have modern computers, up-to-date graphic cards everything should work smoothly. Remember that even very “powerful” laptop are not really powerful when it comes to “server” tasks like OpenSim needs.

To know more you can contact me using the email salahzar [at] gmail [dot] com, or contact International opensim community like osgrid.org which should be very keen on helping educators and noprofit communities willing to use these tools.

Salahzar Stenvaag

Add a Comment
Leggi tutto...

Costruirsi 4 sim (OpenSim) in due minuti sul proprio pc gratis

Articolo originalmente pubblicato qui: http://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2011/01/08/costruirsi-4-sim-opensim-in-due-minuti-sul-proprio-pc-gratis/

Update: per chi fosse interessato, veda anche il mio articolo successivo per l’installazione in una Lan privata di una opensim http://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2011/02/12/ore-11-07-inizio-a-scaricare-opensim-ore-11-45-ho-uno-spazio-virtuale-educativo-multiutente-funzionante/

Usare OpenSim è considerato una cosa difficile e complessa. Tuttavia esiste una distribuzione di opensim definita “SimOnAStick” http://simonastick.com/ (una sim sulla penna USB) basata sulla famosa Diva distro (http://www.metaverseink.com/blog/?p=21). Ho provato ieri sera e funziona egregiamente e vi consente di giocare con un numero infinito di Regioni sul vostro pc a costo zero.

Se vi scaricate i 130 Megabytes della sim on a stick http://simonastick.com/ (potete scegliere nella versione 1 o 4 sim), ottenete una installazione completa comprensiva ANCHE del client IMPRUDENCE.

Come fate poi ad usarla?

  1. Unzippate il contenuto su una penna USB (necessita di almeno 512 Mbyte) oppure anche sul vostro pc. Se la montate su una penna avrete l’emozione di portarvi la vostra preziosa SIM dietro nel taschino o in borsetta :)
  2. Andate nella cartella e lanciate mowes.exe (serve per lanciare il database)
  3. Andate nella cartella diva-rxxxx/bin e lanciate OpenSim.exe oppure se non parte OpenSim.32BitLaunch.exe aspettate un momento
  4. Potete lanciare imprudence che è nella cartella Imprudence, cliccate su “grid manager” create una nuova grid con loginuri http://127.0.0.1:9000/ premete il tasto “Get Grid Info” e poi apply
  5. Collegatevi con utente “usb me” e pwd “123″

Et voila avete la vostra brava sim dove potete fare i pasticci che volete :) (Ricordatevi quando avete finito di fare “shutdown” nella finestra nera e di cliccare End su mowes)

le finestre di mowes e di opensim32bitlaunch

 

Cosa fare dopo avere avuto la sim vuota? A parte le cose ovvie (costruire cubi e fare script):

  1. Potete caricare un terreno già fatto che vi faccia isola, mare e montagne (lo vedremo in articolo seguente)
  2. Potete “spostare” oggetti di cui siete proprietari E creatori da SecondLife (idem)
  3. Potete caricare delle sim già preconfigurate cosiddetti OAR con funzionalità e ambientazioni già predisposti (idem)
  4. Potete navigare in HyperGrid verso grid già presenti educational e no (osgrid, craft, reactiongrid) (idem)

Rimanete sincronizzati per altri dettagli.

Salahzar

NB: Se il vostro pc è anche direttamente collegato a internet con indirizzo IP non virtuale (purtroppo cosa rara ai nostri giorni) è anche possibile che la sim sia di “pubblico accesso”. Ma rimaniamo alle cose semplici. Quello che sicuramente otterrete è di avere 1 o 4 sim immediatamente attivi: potete scegliere la configurazione che più vi piace. Questa distro funziona bene su Windows 32 bit, testata anche su Windows 7 64 bit, c’è anche una versione per mac (http://www.daniel.org/blog/2010/11/13/macsimstick-alpha-1-available/), su linux dovrebbe invece essere sufficiente la distribuzione “normale” di diva: https://github.com/diva/d2/downloads

 

Categories: Education and Learning Etichette: 
Be the first to like this post.
  1. Sciamano Watanabe
    9 gennaio 2011 alle 20:28 | #1

    Salve,
    ho seguito alla lettera le istruzioni e tutto funziona per quanto riguarda l’installazione e il funzionamento della sim ed ho anche caricato dei files .oar diversi. Invece i files dei terrain e objects_library_large_.iar proprio non vuole saperne di caricarli.Ho seguito la procedura indicata ed ho scritto sempre correttamente nella console nera. Le istruzioni sono proprio corrette?

    Rate This
    • Salahzar Stenvaag
      9 gennaio 2011 alle 21:39 | #2

      Ciao sciamano. Quando tu scrivi nella console nera
      load iar usb me / 123 Objects_Library__large_.iar
      terrain load-tile terrain1.r32 2 2 4199 3042

      i file Objects_Library__large_.iar e terrain1.r32 devono essere presenti nella cartella da cui è stata lanciata la console che in circostanze normali è ad esempio
      C:\apps\simonastick_4sim\diva-r13981\bin

      se non ti funziona in questo modo e ad esempio il file terrain1.r32 lo hai messo sotto c:\Users\Salahzar
      devi scrivere il path completo ad esempio:
      Region (root) # terrain load-tile c:\Users\Salahzar\terrain1.r32 2 2 4199 3042
      20:38:08 – [REGION DB]: Storing terrain
      20:38:09 – [REGION DB]: Storing terrain
      20:38:10 – [REGION DB]: Storing terrain
      20:38:10 – [REGION DB]: Storing terrain
      Region (root) #
      spero che questo ti sia di aiuto. altrimenti sentiamoci in skype (io sono salahzar.stenvaag oppure con teamviewer). ciao

      Rate This
      • Sciamano Watanabe
        10 gennaio 2011 alle 01:43 | #3

        i files objects e terrain li avevo messi esattamente nella cartella che hai indicato > divaxxx bin

        Rate This
    • Salahzar Stenvaag
      9 gennaio 2011 alle 23:07 | #4

      ho verificato che se avete caricato la versione con una sola sim, allora i numerelli sono leggermente diversi. Può darsi che tu abbia incontrato questo problema.
      Devi scrivere per il terreno

      terrain load-tile <> 1 1 4275 3607

      Rate This
  2. Salahzar Stenvaag
    8 gennaio 2011 alle 16:57 | #5

    Invece per caricare un inventory con un sacco di cose utili, scaricate questo file:
    https://github.com/downloads/diva/d2/Objects_Library__large_.iar

    copiate dentro diva-rxxxxx/bin e poi lanciate dalla finestra nera il seguente comando

    load iar usb me / 123 Objects_Library__large_.iar

    vedrete il seguente:
    Region (root) # load iar usb me / 123 Objects_Library__large_.iar
    15:51:04 – [INVENTORY ARCHIVER]: PLEASE NOTE THAT THIS FACILITY IS EXPERIMENTAL.
    BUG REPORTS WELCOME.
    15:51:04 – [INVENTORY ARCHIVER]: Loading archive Objects_Library__large_.iar to
    inventory path / for usb me
    15:51:04 – [PASS AUTH]: got 202cb962ac59075b964b07152d234b70; hashed = 960254d85
    4d27a918624c805d641ec30; stored = 960254d854d27a918624c805d641ec30
    15:51:04 – [INVENTORY ARCHIVER]: Created folder Diva’s Freebies Collection__0fda
    d74c-2eeb-49e8-e520-1e324a154bd3/ from IAR
    15:51:06 – [INVENTORY ARCHIVER]: Loaded 50 assets
    15:51:08 – [INVENTORY ARCHIVER]: Loaded 100 assets
    15:51:13 – [INVENTORY ARCHIVER]: Loaded 150 assets
    15:51:18 – [INVENTORY ARCHIVER]: Loaded 200 assets
    15:51:20 – [INVENTORY ARCHIVER]: Successfully loaded 240 assets with 0 failures
    15:51:20 – [INVENTORY ARCHIVER]: Successfully loaded 13 items
    15:51:20 – [XINVENTORY SERVICE]: Fetch contents for folder 6b6bb74f-28a7-465d-b0
    6b-9e3705276ba0
    15:51:20 – [INVENTORY ARCHIVER]: Loaded archive Objects_Library__large_.iar for
    usb me
    Region (root) #

    trovere un sacco di freebies, shapes, walk etc :)

    Rate This
  3. Salahzar Stenvaag
    8 gennaio 2011 alle 15:11 | #6

    Per caricare un terreno nuovo fate il seguente: scaricatevi questo zip: https://github.com/downloads/diva/d2/terrains.zip unzippatelo sotto bin. E poi fate le prove dalla console nera con i seguenti comandi
    terrain load-tile terrain1.r32 2 2 4199 3042
    terrain bake

    ci sono diversi scenari prefatti :)
    Cfr foto:
    http://img510.imageshack.us/img510/5558/20110108140928.png

Add a Comment
Leggi tutto...

Cronache dai mondi virtuali… SL non scende più (grazie al “Basic Mode”?), ma OpenSim è in leggero vantaggio con le meshes (!)

Articolo originariamente pubblicato qui: http://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2011/05/08/cronache-dai-mondi-virtuali-sl-non-scende-piu-grazie-al-basic-mode-ma-opensim-e-in-leggero-vantaggio-con-le-meshes/

Introduzione

Aspettavo, prima di fare questo articolo (che dovrebbe essere un sunto delle principali innovazioni tecniche sopraggiunte nei nostri mondi virtuali preferiti) che su SL comparissero delle novità significative come ad esempio le Meshes, annunciate da oltre un anno. In effetti il nuovo CEO ha pubblicato oggi un articolo dove esprime un bel po’ di accomplishments (obiettivi raggiunti): http://community.secondlife.com/t5/Featured-News/Some-Early-Improvements-to-Usability/ba-p/856677 fra i quali ricorda:

La nuova modalità “Basic”

  • La nuova modalità “basic” di ingresso per i nuovi avatar. (http://opensourceobscure.com/2011/03/17/anteprima-video-del-nuovo-second-life-basic-mode/) Questa modalità presentata automaticamente è un modo semplificato di uso del viewer 2 che nasconde le funzionalità avanzate dell’interfaccia utente e modifica leggermente le modalità di movimento e di fruizione di SL (in modo analogo a quanto faceva il progetto parallelo di SL on the WEB presentato a Novembre http://nwn.blogs.com/nwn/2010/11/second-life-launches-beta-web-browser-test-using-gaikai-streaming.html).
    La modalità basic
    * non consente l’uso del voice,
    * non ha l’inventory e quindi niente gestione landmark e notecard, nè acquisto freebie.
    * ci si può muovere cliccando sul terreno (come in Blue Mars)
    * l’orbiting è realizzato senza l’uso del tasto ALT ma cliccando e trascinando il mouse (in modo simile a Blue Mars)
    * la scelta delle destinazioni è limitata ad un elenco pre-caricato in una striscia di destinazioni raccomandate (e uniche su cui arrivare se non si viene teletrasportati da altri avatars)
    * la scelta dell’avatar è limitata ad un elenco pre-caricato di tipologie in modo da non confondere il niubbo con concetti avanzati come skin, shape, abiti, appearance
    NB: è sempre possibile per il niubbo passare alla interfaccia “advanced”, ma per farlo occorre USCIRE, loggarsi, selezionare dalla tendina la modalità avanzata, RI-USCIRE e riloggarsi. (Francamente mi sarei aspettato una metodologia un pochino più “friendly”).

La nuova modalità di registrazione (aka: fiore all’occhiello)

La nuova modalità di registrazione dell’avatar che ha portato a compimento la rivoluzione dell’estate scorsa sul display name. A detta di Rodvik (il nuovo CEO) questa nuova modalità ha semplificato enormemente il processo prima lento e laborioso ora terminabile in modo divertente e certo in pochi minuti. Ho provato la procedura e ho notato che per registrare un nuovo avatar occorre fare la seguente sequenza:

  1. Scegliere l’avatar con un sistema simile a quello dei giochi tipo playstation
  2. Scegliere il nick (2 tentativi perchè il primo ovviamente era stato già preso), aggiunto l’anno di nascita
  3. Modulo da compilare con mail, data di nascita, password (2 tentativi per password troppo corta), domanda di sicurezza click su crea account
  4. Scelta modalità Free (in luogo di premium)
  5. Download e install del client.
Visto che c’ero ho proceduto ad una sessione vera simulando di essere un vero newbie, mi sono trovato in una isola di accoglienza che in 6 passi mi spiegava come muovermi, come chattare, come sedermi, come scegliere una destinazione. A quel punto ho scelto una destinazione per “NewComers” e sono andato in una sim di  aiuto http://helppeopleisland.info (il sito ho visto che non è molto mantenuto purtroppo), lì ho conosciuto un “mentore” che mi ha immediatamente salutato e mi ha dato alcune dritte, fra cui il consiglio di entrare subito in modalità “advanced” se volevo fare una semplice ricerca di luoghi interessanti. Mi sono spostato sulla sim vicino ad una scacchiera gigante funzionante dove ho trovato una ragazza con cui ho imbastito qualche mossa di una partita a scacchi e poi abbiamo fatto una lunga chiacchierata. In effetti se fosse stata questa la mia prima esperienza di SL sarebbe stata abbastanza interessante (!). Peccato però che funziona se si sa la lingua inglese… La traccia della chat tradotta dall’inglese all’italiano la trovate qui: http://pastebin.com/a8bkAe7L Se leggete la chat vedrete che la primissima cosa suggerita è di abbandonare la modalità basic, in questo caso la motivazione è di riuscire a fare una semplice search….
Pare che in effetti secondo le ultime statistiche che la quantità di nuove iscrizioni si sia impennata nelle ultime settimane e questo è considerato un netto successo del nuovo CEO (Spero che non siano tutti residenti come me che vogliono provare a vedere come funziona….)
 

Ritornano i Mentor?

  • Il ripristino della rete di semi mentori RHL che era stata abbandonata nei giorni passati. Torneranno i mentori? Come confermato dalla chat del mio “Niubbo”, il fatto di trovare persone che ti insegnano ad usare SL non è solo un di più ma è essenziale per garantire che la gente rientri…

Le principali innovazioni negli ultimi 3 mesi:

A parte ciò le principali innovazioni di SecondLife negli ultimi mesi (da gennaio in poi) sono state:

I “punti dolenti”:

Fra le promesse ancora mancanti all’appello abbiamo i seguenti punti “dolens”:

Cosa fa la “concorrenza” OpenSim? e perchè in questo momento è leggermente più avanti?

Mentre la Linden cerca di abbandonare i momenti bui degli ultimi due anni, pare invece che OpenSim stia lentamente ma inesorabilmente aumentando la propria credibilità. Sempre più università, service providers ed enti stanno scegliendola come piattaforma ideale per la virtualità 3D. Fra le iniziative più interessanti:
Se la Linden non si dà da fare, al momento, le grid che si basano sulla nuova versione fresca di fabbrica 0.7.1, può vantare alcune perle come
  • La gestione delle MESHES: i creatori di contenuti possono utilizzare le loro creazioni in OpenSim senza attese infinite della Linden …
  • La gestione dei MOAP (media on a prim) che non erano finora disponibili su opensim e che rappresentavano un gap notevole
  • e si cominciano a gestire anche i “coalesced object” che sono gli oggetti multipli non linkati che sono comodissimi in SL.
Per un articolo in italiano esaustivo sulla nuova versione di OpenSim, rimando qui: http://opensourceobscure.com/2011/05/05/opensim-nuova-versione-0-7-1-con-supporto-per-meshes-e-media-on-a-prim/
E con questo mi pare di avere terminato la carrellata sulle novità fronte SL/OS. Se avete qualche notizia che mi sono dimenticato o non sono al corrente, mettetevi in contatto per correggere e migliorare questo articolo,
grazie,
Salahzar Stenvaag
Add a Comment
Leggi tutto...

OpenSim e mondi virtuali per insegnamento nelle scuole superiori (un esempio tutto Italiano)

Articolo originariamente pubblicato qui: http://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2010/10/25/opensim-e-mondi-virtuali-per-insegnamento-nelle-scuole-superiori-un-esempio-tutto-italiano/

Il dibattito sullo spostamento delle attività didattiche fuori dall’ala protettiva della Linden (Second Life) è abbastanza recente, a seguito delle recenti decisioni della Linden di alzare notevolmente i costi rimuovendo gli sconti offerti ad educatori e realtà noprofit. Tuttavia già da diversi anni ci sono molte realtà educational che lavorano utilizzando lo strumento “OpenSim” (http://opensimulator.org).

Il motivo per cui in passato si pensava di utilizzare OpenSim anzichè Second Life (SL) era riassumibile nei seguenti punti:

  • in SL “standard” non potevano entrare i minori di anni 18. Anche se esisteva la TeenGrid in questa potevano entrare solo appunto i teen da 13/17 anni. D’altra parte l’ingresso di avatar adulti e lo scambio di oggetti fra le due grid era abbastanza complesso e difficile da gestire.
  • il costo dell’acquisto e della gestione di una sim, anche con gli sconti del 50% una sim costa 700 $ per l’acquisto più un pagamento di 147.5 $ come tier mensile (aggiungeteci l’IVA e credo che siamo su un costo annuale di 2124$ (pari a circa 1600 €). Queste cifre dovranno essere raddoppiate dal 1 Gennaio 2011.
  • il controllo del contenuto e dell’accesso. La delega della gestione hardware e della gestione delle policy alla Linden se da un lato semplifica molto riducendo i problemi, d’altro canto impedisce un controllo effettivo di chi abbia accesso ai dati (problemi di privacy, e di proprietà intellettuale). Ricordiamo che tutto il contenuto immesso in SL, nonostante le apparenze diventa di fatto di proprietà della Linden e memorizzato su server non controllati.

D’altronde vi erano alcuni e diversi problemi nello scegliere una architettura OpenSim:

  • Complessità della gestione dell’infrastruttura tecnica (Mantenere un server OpenSim può essere un problema non indifferente necessitando di tecnici, amministratori di sistema) e sicuramente non alla portata di una scuola superiore per quanto organizzata adeguatamente.
  • Instabilità e mancanza (o implementazione parziale) di feature importanti come ad esempio l’uso della voce, la possibilità reale di essere in molti avatar su una sim (in SL si riesce normalmente ad arrivare senza particolari problemi a 40 avatar, su OpenSim a volte ci sono problemi anche solo con 10 persone collegate).
  • Lo scripting di OpenSim è abbastanza diverso da quello di SL, per cui attività banali che si possono fare su SL possono risultare più grezze o non funzionare per nulla su OpenSim.

Nonostante i difetti preannunciati alcuni insegnanti pionieri si sono voluti cimentare e hanno recentemente svolto degli esperimenti didattici in OpenSim. Ecco il video della loro esperienza. Presentata con ottimo successo all’iniziativa

Città della Scienza
Napoli 13 14 15 ottobre 2010

 

Vedete anche sul blog:  http://matematicando3d.blogspot.com/

E qui di seguito il depliant della loro presentazione.

DIDATTICA DELLA MATEMATICA NEI MONDI 3D
Il progetto prevede una sperimentazione di insegnamento della matematica nei mondi virtuali, ambienti tridimensionali, fruibili grazie a SLW (second life world) una opensim gestita dall’ANSAS. I docenti interessati a tale sperimentazione (insegnanti di matematica e non solo, provenienti da varie città)si cimentano da circa un anno, nella progettazione di attività per una didattica della matematica innovativa e interattiva che utilizza una nuova metodologia di insegnamento: la metodologia immersiva. Gli alunni imparano giocando, utilizzando software simili a videogiochi, frequentano laboratori e luoghi di apprendimento, si cimentano nella risoluzione di quiz logici, in costruzioni geometriche non sempre riproducibili nella realtà, approfondiscono le loro conoscenze scoprendo curiosità e applicazioni non sempre riportate nei testi scolastici. Tutto ciò accedendo alla opensim attraverso il computer e partecipando alla pratica operativa nelle vesti di avatar.. Il progetto didattico è ancora in via di sperimentazione. L’intento del gruppo di lavoro è quello di verificare la potenzialità educativa della didattica nei mondi virtuali sperimentandola prima nelle proprie scuole. L’esperienza potrà essere riprodotta da tutti i docenti che riterranno i mondi virtuali, utili per una forma di insegnamento alternativo. I mondi 3D sono ambienti stimolanti per una partecipazione attiva e divertente per gli studenti e non solo. Costruire strumenti didattici è proficuo e stimolante anche per i docenti che attraverso un’interazione in rete tra  scuole diverse ampliano le loro conoscenze. L’ideazione, l’organizzazione e la realizzazione in mondi virtuali di ambienti e laboratori di pratica  operativa logico-matematica sono alla base del nostro progetto di gruppo che si propone di superare l’individualismo valorizzando il contributo di ciascuno, di confrontarsi per migliorare la motivazione all’insegnamento, condividendo un obiettivo comune, costruendo insieme, lavorando in simbiosi, superando anche difficoltà tecniche, quali formazioni professionali diverse, individuazione iniziale di ruoli dei membri, obiettivi differenti.
I relatore: matematica piacevole in 3D, quiz, illusioni e altro.
II relatore: geometria in 3D, laboratorio di costruzioni.
DOCENTI PARTECIPANTI: Giannetti Luisa (Napoli) e Messere Maria (Bari) relatrici, Bozzuto Roberto (Foggia) supporto tecnico, Giurgola Giliola (Torino).
 

Ci sono un sacco di altre esperienze simili, e sicuramente varrebbe la pena scambiarsi le proprie esperienze.

Add a Comment
Leggi tutto...

Socializziamo la nostra OpenSim: istruzioni per aprire le frontiere ed inserirsi nella community osgrid

Articolo originariamente pubblicato qui: http://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2011/04/03/socializziamo-la-nostra-opensim-istruzioni-per-aprire-le-frontiere-ed-inserirsi-nella-community-osgrid/

Ricevo queste interessanti istruzioni dall’avatar Enrica Bonetto.  Ecco una esperienza “live” di una persona non esperta che è riuscita a fare quasi da sola una installazione completa di una sim DENTRO la community di OsGrid.

Ricordiamo che nei miei articoli precedenti su OpenSim insegnavo come costruire delle SIM isolate (standalone) in un contesto chiuso. Qui si spiega come collegare una sim di questo tipo ad una comunità consolidata come OsGrid (le istruzioni sono probabilmente applicabili con poche modifiche anche ad altre grid come Craft).

Tenete conto che il successo di una operazione del genere è legata fondamentalmente al router (l’apparecchietto con le lucette luminose attaccate alla presa telefonica) e al provided che state utilizzando. Modem/Router differenti e provider differenti potrebbero non funzionare :( Infatti era questa la remora che avevo nel presentare istruzioni simili. Ma se avete quel modem e quel provider siete fortunati funziona tutto senno contattate Enrica per capire cosa avete sbagliato ;) …

CREAZIONE ISOLA OPENSIM SUL MIO PC E COLLEGATA IN OSGRID

STEP BY STEP

1.   Mi iscrivo a OsGrid

Sul sito http://www.osgrid.org/ ho creato un account cliccando su join now       (http://www.osgrid.org/index.php/auth/register )  scegliendo un avatar first e last name , una password e indicando un indirizzo e-mail.

Esempio di una scuola che si è collegata a osgrid (Brera Academy virtual lab)

2.    Scarico i files.

Dalla sezione Download ( OSgrid ) ho prelevato il file zip della current release e i tre example ini files presenti nella stessa pagina ( OpenSim.ini – GridCommon:ini- FlotsamCache.ini ) Con internet explorer se li si preleva con click dx > salva oggetto con nome vengono salvati con estensione .text e non .ini > basterà cambiare l’estensione in .ini.

Per scaricare la versione dei programmi per la nostra sim

Per scaricare gli esempi dei file di configurazione

3.    Li sposto e rinomino sul mio PC.

Questi files , il file zip e i files ini\text li ho salvati in una cartella della directory principale del mio pc  ( nel mio è G:\). Ho scompattato il file zip , cambiato l’estensione dei 3 files in .ini e li ho sostituiti ai corrispondenti files ini presenti nella cartella bin e nella cartella bin\config-include dopo aver rinominato in oldxxxxx i tre files ini originali.

4.    Scarico il viewer.

Sullo stesso sito ho scaricato il viewer Imprudence ( nel mio caso per windows)

5.   Mi iscrivo a DynDNS.

Dal sito DynDNS  scegliendo in free domain name il collegamento http://www.dyndns.com/services/dns/dyndns/ e successivamente : create free hostname ho indicato nella casella accanto a hostname il nome scelto per il mio host e nella casella a discesa una delle scelte possibili ( conviene annotare la propria scelta) , ho lasciato tutto il resto invariato e ho cliccato add to cart. La procedura poi ti guida nella creazione di un proprio account. Seguirla e completarla.

6.   Configuro dyndns e scarico l’updater.

Sempre sul sito dyndns ho attivato il link Support e nella pagina raggiunta ho fatto il download del programma DynDNS Updater (4.1.6). e successivamente installato nel mio pc. Nella tray icon deve comparire l’icona dell’updater ( sarà molto utile in seguito).

7.   Il router

Vengo ora alla parte difficile : il router e le connessioni.  Quanto scrivo ora è valido per il mio router e la mia impostazione della rete. Non posso garantire per altre configurazioni. Il mio sistema operativo è windows home xp con service pack 3. Il mio router è invece : alice gate w2+

8. Configurazione del router

start > tutti i programmi > alice > stato apparato > si apre la pagina internet che porta alla configurazione del router. Il mio router è impostato in modalità bridged+routed ossia connessione automatica da modem\router attiva. Affianco di questa casella si noterà un indirizzo IP pubblico : prendetene solo nota. Io ho configurato il servizio virtual server cliccando su “configura” sotto la voce collegamento LAN e successivamente ho attivato il pulsante “ aggiungi “ in basso a dx. Nella finestra che si apriva ho aperto una per una le seguenti porte sia udp che tcp 9000,9001,8002,8003.. Finita la procedura ho confermato e dopo che sono state accettate le modifiche ho chiuso questa pagina.

9.   Il firewall di Windows

Ho aperto le stesse porte sul firewall di windows agendo dal tab eccezioni e clickando aggiungi porte . Anche qui una per una e sia per la porta tcp che udp e inoltre cliccando su aggiungi programma e poi sfoglia sino a trovare opensim.exe nella cartella bin precedentemente installata.

10.    Verifiche delle connessioni

start >connetti > mostra tutte le connessioni :
nel mio pc c’è una connessione a banda larga chiamata Alice ADSL ( se non ricordo male creatasi dal cd di installazione ma che può anche essere disabilitata.
In sostanza è una connessione remota utilizzabile da internet in caso non funzioni la connessione lan).
Io l’ho abilitata e connessa e i parametri rilevanti di tale connessione sono :

click dx >proprietà>rete>protocollo internet (TCP\IP)>proprietà>generale >
scegli: ottieni automaticamente un indirizzo ip e ottieni indirizzo server DNS:
poi in avanzate >WINS > abilita NetBIOS su TCP/IP .

Lasciare invariato il resto.
Nella finestra Avanzate controllate le impostazioni del firewall non dovrebbero esserci problemi
> nella finestra avanzate del firevwall deve esserci la spunta sulla connessione. Condivisione connessione internet l’ho lasciata senza segni di spunta. L’altra connessione fondamentale nel mio sistema è la connessione alla rete locale (LAN) nella sezione LAN o internet ad alta velocità ( se disattivate questa non riuscite a collegarvi in internet , diciamo che è la connessione del router) .
I miei settagli sono i seguenti :
click dx> proprietà> generale> protocollo internet(TCP/IP) >proprietà>
anche qui ottieni automaticamente indirizzo ip e ottieni indirizzo server DNS ; > avanzate > DHCP abilitato > WINS > abilita NetBIOS su TCP/IP> OK.
HO messo anche una configurazione alternativa ( finestra accanto a quella generale delle proprietà della connessione) :
pallinatura su “Configurato dall’utente” Indirizzo IP  x.x.x 2 mentre il gateway predefinito è x.x.x.1 e la sub net mask è del tipo 255.255.255.0 .
il gateway predefinito e la subnet mask la trovate così : start >esegui> cmd> nella finestra dos scrivete  : ipconfig e guardate quelle della connessione alla rete locale lan : il gateway copiate esattamente i numeri così come per la subnetmask mentre per l’indirizzo ip copiate quello del gateway ecambiate solo l’ultima cifra (nel mio caso ho aumentato di un numero : da 1 a 2 ).
Poi nei server DNS preferito e alternativo ho messo dei numeri di server di alice che potete trovare in internet con google. Infine nelle finestra avanzate della proprietà connesione alla rete locale Lan anche qui nessuna spunta su condivisione connessione internet. Inoltre nessuna delle mie connessioni è col brinding.

11.   Configurate Imprudence per accedere alla sim

Se avete installato Imprudence andate al collegamento sul desktop >click dx> proprietà> finestra collegamento> destinazione>aggiungete alla fine della stringa  -loginuri il vostro dyndns che avete creato:8002

12.    Scegliete le coordinate per mettere la grid

Tornate in osgrid qui http://www.osgrid.org/index.php/gridmap, meglio se con firefox perché con internet explorer ( almeno a me ) non si riesce a caricare la mappa, riducete il livello di dettaglio a zero fino a vedere quadratini blu e verdi. Passando sopra il mouse sulle aree blu che sono aree disponibili vedrete apparire le coordinate per posizionare la vostra isola in osgrid . Scegliete la posizione e annotatevi i due numeri.

13.   Configuro finalmente la mia sim

Nella cartella opensim osgrid che avevo dezippato vado a cercare nella sottocartella bin il file opensim. exe ( il mio sistema è a 32 bit , per questi settaggi guardate anche qui ) e con doppio click lancio il programma. Si apre la finestra dos , scorrono molte righe che ad un certo punto si arresteranno e bisognerà rispondere inserendo questi dati :

New region name []: TestLandia <hit enter> // scegliere il nome della vs isola
Region UUID [0980d6bc-2586-423d-ab26-d5428e5cd83a]: <hit enter>// dare solo invio accettando l’uuid che c’è ( se c’è)
Region Location [1000,1000]: <hit enter>// qui mettete le coordinate che avete preso dalla mappa , separate dalla virgola
Internal IP address [0.0.0.0]: <hit enter>// dare solo invioInternal port [9000]: <hit enter>// anche qui invio
Allow alternate ports [False]: <hit enter>// invio

External host name [SYSTEMIP]: 12.34.56.78 <hit enter>// qui inserite il vostro dyndns al posto dell’indirizzo ip
Your region is not part of an estate.
Do you wish to join an existing estate? [no]: <hit enter> // lasciate no di default dando solo invio
New estate name [My Estate]: TestLandia Corp. <hit enter>// lasciate il default dando solo invio
Estate owner first name [Test]: Joe <hit enter>// qui inserite il nome che avete scelto per l’account di osgrid
Estate owner last name [User]: Smith <hit enter>// qui il cognome corrispondente.

Se tutto è andato come doveva , la vostra isola è ora in osgrid  e dovrebbe essere raggiungibile sia da voi che dagli altri. Dovete controllare che l’indirizzo ip che restituisce il vostro dyndns updater concordi con l’indirizzo ip che potete vedere da internet andando su un apposito sito. Attenzione concorderà se entrambe le connessioni ( la connessione lan e alice adsl) sono lanciate , viceversa non funzionerà seuna delle due è spenta in particolare la connessione adsl alice a banda larga.Per avere una isola che non sia la ciambella rotonda di default cercate in internet dei files oar e copiateli nella cartella bin  . Quando lanciate la finestra dos di opensim.exe al prompt scrivete : load oar  il nomedelvostrooar.oar e poi dopo che l’isola si è caricata scrivete : save oar nomevostrooar.oar.  Quando uscite da osgrid uscite prima dal client\imprudence e poi chiudete la finestra dos usando la x senza scrivere shutdown così la vostra isola resterà nella grid altrimenti rischiate che la posizione venga occupata da altri che vedono vuota l’area e possono prendere le vostre coordinate.Dovrebbe essere tutto.

Enrica Bonetto

Add a Comment
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
http://www.communitybuilder.it/

Translate

Italian Albanian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Danish Dutch English French German Greek Hungarian Japanese Korean Macedonian Maltese Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swedish Turkish Ukrainian